Gucci Garden: la “Belle Époque”

La genialità e l’intuito di Alessandro Michele fanno nuovamente centro!
Questa volta ci siamo spostati a Firenze, nella culla del Rinascimento, per un nuovo e maestoso progetto: il Gucci Garden.
Di che cosa si tratta? Di un esperimento unico al mondo, una sorta di archivio storico dinamico ed interattivo nel quale poter ammirare articoli presi dalle prime collezioni Gucci, risalenti alle origini fiorentine della griffe (1921).
Come spiega lo stesso Michele, è stato scelto questo nome perché “Il giardino è reale, ma appartiene soprattutto alla sfera dell’immaginario, popolato com’è di piante e animali; come il serpente, che si insinua dappertutto e che, in un certo senso, simbolizza un perpetuo inizio e un perpetuo ritorno”.

gucci garden

Ad ogni modo dimenticate la parola “museo”: parliamo piuttosto di uno spazio interattivo, creativo e vivente, in linea diretta con l’attuale filosofia della Maison.
Che cosa sarà possibile ammirare al suo interno? Entrare nel Gucci Garden sarà un’esperienza sensoriale a tuttotondo. Abbigliamento, accessori, installazioni video, elaborazioni grafiche, documenti e manufatti sono organizzati per aree tematiche (e non in ordine cronologico) nei due piani del palazzo.
Ma non finisce qui: delizia per gli occhi, ma anche per il palato!
Uno dei cuochi più famosi al mondo per la sua cucina, lo chef stellato Massimo Bottura, è stato chiamato proprio da Michele per gestire all’interno un piccolo ristorante (sito al pian terreno): Osteria Gucci.
Se dopo aver visitato la galleria e assaporato un ottimo menu, avrete ancora qualche voglia nascosta, allora potete fare sosta alla boutique, dove troverete non solo capi d’abbigliamento ed accessori esclusivi, ma anche articoli della collezione Gucci Décor!

Potrebbe piacerti anche